Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 giorni fa S. Claudio martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 20 febbraio

Ieri: 19 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle - Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiArti di Maggio: Zapping Novecento

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Eventi

L'Associazione Seventh Degree dell'Università di Salerno presenta

Arti di Maggio: Zapping Novecento

MICU: IV MEETING INTERNAZIONALE CORI UNIVERSITARI

Scritto da Olga Chieffi (admin), sabato 28 maggio 2011 05:40:51

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 giugno 2011 23:00:56

Il centro storico il nostro palcoscenico
MICU: IV MEETING INTERNAZIONALE CORI UNIVERSITARI
Salerno, sabato 28 maggio Chiesa dell'Addolorata ore 20,30 Ingresso Libero
Info.:www.coro.unisa.it cell.:3204875000

Triplo appuntamento per la seconda giornata del MICU
Sabato 28 maggio, a partire dalle ore 20,30 nella chiesa dell' Addolorata si esibiranno il Rutgers University Glee Club, il Coro dell'Università degli studi di Milano-Bicocca e l'Ensemble Vocale Principe Sanseverino in rappresentanza del nostro ateneo

Cantare vuol dire unire le voci, voci di persone normali, che nella vita hanno avuto la fortuna di avvicinarsi al canto corale e ne hanno fatto una passione, quasi una malattia, perché, rotto il ghiaccio, hanno scoperto che cantare richiede impegno, ma apre il cuore.
Cantare vuol dire tirar fuori ciò che si ha dentro attraverso la propria voce e far in modo che arrivi a chi ascolta. Lavorare su se stessi con gli altri, insieme a loro confluire in un'unica voce, la voce del Coro.Cantare vuol dire dar vita a un'esperienza umana fondata su qualcosa di ineffabile e sfuggente: la ricerca di un suono, del proprio modo di far musica, della musica stessa. È un viaggio ricco di situazioni ora faticose ora entusiasmanti: dal far convivere le diversità di ognuno a realizzare progetti, dall'affrontare le difficoltà tecniche a raccogliere gli applausi del pubblico. Ogni esperienza vissuta insieme costituisce allo stesso tempo un punto d'arrivo, un passo in avanti, lo stimolo a ripartire di slancio alla ricerca di nuovi obiettivi. Queste le ragioni estetiche del Meeting Internazionale dei Cori Universitari, atto finale della IV edizione di Arti di Maggio - Zapping '900 rassegna realizzata dall'Associazione Seventh Degree dell' Università di Salerno, presieduta da Liberato Marzullo, unitamente al direttore artistico Antonello Mercurio e dall' Assessorato ai Beni Culturali e Portualità Turistica dell'amministrazione comunale.
Dopo la giornata inaugurale sabato 28 maggio a partire dalle ore 20,30, nella chiesa dell'Addolorata si svolgeranno ben tre concerti. Ad inaugurare la serata sarà il Rutgers University Glee Club, diretto da Patrik Gardner, un evento in collaborazione con l'Associazione Culturale Laeti Cantores e con l'Auser Salerno Orientale, dedicato alla memoria di Filomena Coccaro, corista presidente e amica del coro Laeti Cantores di Salerno, nonché catalizzatrice della musica corale in città. Il programma prevede un vero e proprio viaggio intorno al mondo, a partire da mottetti di Biebl, Handl, Busto, per passare poi a canti della tradizione georgiana e indiana e concludere con i tradizionali americani delle origini quali i work song. Intorno alle 22 sarà la volta del Coro dell'Università degli studi di Milano-Bicocca, diretto da Ilario Nicotra con al pianoforte Giovanni Zanco. L'apertura della scaletta è dedicata al luminoso barocco del Gloria di Antonio Vivaldi, per poi passare alla delicata melodia del Sancta Maria di Wolfgang Amadeus Mozart. L'Haydn del "Te Deum Laudamus" lascerà il testimone al mottetto a 4 voci di estrazione francese di Francio Poulenc, prima di chiudere con il Jubilate deo-jazz Man di Benjamin Britten, l'incontro con il Novecento del compositore inglese. Dalle ore 23 sarà di scena il coro ospite ovvero l'ensemble vocale Principe Sanseverino dell'ateneo salernitano, diretto da Francesco Aliberti. Il giovane direttore per la sua formazione ha un programma finemente comunicativo che principierà con due brani tratti dal Festino nella sera del giovedì grasso di Adriano Banchieri, Nobili spettatori e il celeberrimo contrappunto bestiale alla mente, improvvisato da un cane, un gatto, un cucco e un chiù, ovvero un assiolo sulla base di un severo basso d'armonia, su di un testo in latino maccheronico che recita "non fidarti dei gobbi, né degli zoppi, se un guercio è buono, questa è una cosa da scrivere negli annali". Due i brani di Giovanni Pierluigi da Palestrina, il kyrie dalla Missa brevis e Sicut Cervus. Le caratteristiche del maturo stile palestriniano sono la quasi immateriale morbidezza del contrappunto, la netta preferenza per le parti procedenti per gradi congiunti, il loro carattere essenzialmente melodico e la loro sovrana semplicità, tanto più evidente se si confronta con l'assai fiorita tendenza stilistica seguita da Palestrina stesso in gioventù e dai suoi predecessori in campo liturgico. Padrone assoluto di una tecnica perfettamente funzionale, usò tutte le risorse del contrappunto (quali canone e fuga) con consumata abilità e insieme, con naturalezza inclinando però negli ultimi anni alla libera imitazione melodica. Il congegno ritmico consiste essenzialmente nel rapporto di durata di una nota con l'altra (punto contro punto contrappunto) nel rapporto di equilibri di una frase contro l'altra, il che produce una tensione ritmica costantemente varia, contrazioni o allentamenti che corrispondono ad esigenze musicali o estetiche del momento. Tale delicata e armoniosa disposizione di accenti ritmici suscita un'impressione di ordine e di compostezza, un senso di riposo più che di movimento, e imprime al tessuto sonoro una levità che è il segno di una finezza unica nel suo tempo. E ancora, si passerà dall' "Ausencia di Prat-Silva al Madrigal di Taltabull, sino a Di marino, busto, e l'incantevole monteverdi di "Ecco mormorar l'onde". Un balzo nella musica contemporanea con il lituano Vytautas Miskinis, del quale verrà eseguito "Diffusa est gratia", prima di concludere con Adriano Willaert, e la sua canzon villesca forse più amata "Vecchie letrose", in cui il magistero fiammingo risulta mitigato dalla cantabilità melodica e dalla chiarezza armonica del nostro meridione.

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Eventi

La tradizione del Carnevale in Irpinia unita per celebrare un grande patrimonio culturale con un mese di iniziative ed eventi

Il Carnevale Princeps Irpino pronto ad inondare di feste, divertimento e tradizione la provincia di Avellino (e non solo). Si preparano i lunghi festeggiamenti dedicati ad una delle feste più amate dell'anno in Irpinia, il Carnevale, che si riunisce nelle sue varie espressioni del territorio sotto un'unica...

Carnevale: a Foiano della Chiana (Ar) torna il più antico d’Italia

Si spengono all'alba le luci dei quattro cantieri allegorici del Carnevale di Foiano della Chiana, il più antico d'Italia che nel borgo in provincia di Arezzo è giunto con il 2019 alla sua 480 esima edizione. Cinque domeniche di festa, dal 10 febbraio al 10 marzo, durante le quali le vie del paese saranno...

Per i 10 anni dal terremoto dell’Aquila, torna in scena lo spettacolo “Uomini Terra Terra” di Giorgio Cardinali dal 18 al 23 dicembre al Teatro Stanze Segrete

Il prossimo 6 aprile 2019 saranno passati 10 anni dal terremoto che ha distrutto l'Aquila, uccidendo 309 persone. Un "disastro naturale"! L'hanno scritto e detto giornalisti, scienziati e politici. Per l'occasione torna dal 18 al 23 dicembre al Teatro Stanze Segrete lo spettacolo "Uomini Terra Terra"...

“PALAZZO DI BABBO NATALE”: NEL CENTRO STORICO DI PRATA PRINCIPATO ULTRA (AVELLINO) LA MAGIA DI FIABE ED ELFI

PRATA PRINCIPATO ULTRA (AVELLINO) - Due week end all'insegna della magia, delle luci e dei profumi del Natale. A Prata Principato Ultra, dal 14 al 16 dicembre e dal 21 al 23 dicembre (dalle 17 alle 22), arriva il "Palazzo di Babbo Natale", un evento unico, giunto alla seconda edizione, che si concentrerà...

GRAN BALLO DI SISSI: L’OMAGGIO DELLA CITTÀ ETERNA ALL’ITALIA ROMANTICA

«Anche quest'anno la "magia" si ripete: sabato 10 novembre, la Compagnia Nazionale di Danza Storica celebrerà a Roma il tradizionale Gran Ballo di Sissi, in omaggio non solo al mito della principessa austriaca ma anche al fervore culturale dell'Italia dell'epoca che ancora oggi fa eco nella società odierna»....