Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa S. Emilia vergine

english italiano

Date rapide

Oggi: 17 febbraio

Ieri: 16 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle - Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiCerimonia di riapertura del Museo Archeologico Provinciale di Salerno

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Eventi

Lunedì 18 febbraio, ore 17.30, preso il Complesso di San Benedetto

Cerimonia di riapertura del Museo Archeologico Provinciale di Salerno

Reading musicale Il Passato Errante a cura di Pasquale De Cristofaro e Olga Chieffi

Scritto da Associazione TeatroStudio (admin), domenica 17 febbraio 2013 19:07:39

Ultimo aggiornamento venerdì 17 maggio 2013 14:48:46

Rinasce il Museo Archeologico Provinciale di Salerno

Lunedì 18 febbraio alle 17,30 la cerimonia inaugurale con il reading "Il passato errante"

Lunedì 18 febbraio alle ore 17,30, taglio del nastro per la riapertura del Museo Archeologico Provinciale di Salerno, alla presenza di Angelo Michele Lizio, dirigente settore Patrimonio della nostra provincia, Angela Pontradolfo, docente di Archeologia classica dell' ateneo cittadino, Adele Campanelli, soprintendente dei Beni Archeologici del province di Salerno, Benevento, Caserta e Avellino, Barbara Cussino, dirigente settore Musei e Biblioteche di Salerno, unitamente all'intera dirigenza dell'amministrazione provinciale con Matteo Bottone, assessore al patrimonio cultura e beni culturali, al Presidente Antonio Iannone e al Presidente della Commissione Difesa della Camera dei Deputati Edmondo Cirielli, con interventi moderati da Pasquale Petrillo. Verranno ridonati allo sguardo del pubblico i fascinosi reperti in un nuovo allestimento giocato su due piani e animato per l'occasione da un reading musicale dal titolo "Il passato errante".

Il nomadismo è linfa del nostro sangue. Ci piaccia o no siamo tutti figli di emigranti. Da popoli in fuga, in esilio o in cerca di fortuna, a volte trascinati altrove come schiavi, è nata la nostra civiltà. Se ne cerchiamo davvero le radici dovremo guardare all'Africa del primo ominide, all'Asia delle culture mesopotamiche,alla Cina. Inarrestabile il cammino delle migrazioni. E prezioso. Se ci immergiano nella profondità di questo vortice che costruisce e distrugge la storia. Se coltiviamo la memoria anche recente di quest'esperienza comune. Ed evitiamo di chiuderci a riccio di fronte alla diversità che ci spiazza, ma ridisegna il mondo.

Da queste riflessioni nasce il progetto "Il passato errante", reading di letture, musica, danza a cura di Olga Chieffi e Pasquale De Cristofaro con le coreografie di Loredana Mutalipassi, pensato appositamente per la riapertura del museo. Non un semplice contenitore di reperti, ma un luogo vivo dove ancora oggi pulsa il cuore di popoli venuti da lontano ed il loro incontro con altre culture: scambi, incroci, contaminazioni che hanno dato vita alla nascita del mito.

Sul mare di versi si muovono le onde oniriche dei suoni del flauto di Antonio Senatore, docente del nostro conservatorio e del violoncello di suo figlio Alberto Senatore, dei due clarinetti dei giovanissimi Andrea Caputo e Marco Frasca e dei sassofoni di Antonio e Francesco Florio, mentre le danzatrici del TeatroStudio, accompagneranno il visitatore in un viaggio dell'anima. "La musica afferra il presente, lo ripartisce, e ci costruisce un ponte che conduce verso il tempo della vita". Le parole di John Berger e Jean Mohr fanno da assunto alla performance di Antonio e Alberto Senatore che proporranno la Sonata in fa maggiore per flauto e basso continuo di Georg Philipp Telemann, mentre il cello solo eleverà anodina e misteriosa la I suite di Johann Sebastian Bach. Alta la tradizione delle ance a Salerno che verrà rappresentata da due promesse del magistero di Giovanni De Falco, il quattordicenne Marco Frasca che eseguirà lo Studio primo di Gaetano Donizetti e Andrea Caputo, il quale proporrà i tre pezzi di Igor Stravinskij, per poi confrontarsi con la scuola napoletana del suo strumento della quale è diretto depositario. Il ragazzo eseguirà infatti, la Rapsodia di Giacomo Miluccio, maestro di Giovanni De Falco, una pagina atta ad avviare la ricerca della produzione del suono e della sua liberazione, in modo da lasciare intuire quali ombre drammatiche aleggiassero attorno ad una tale chiarezza di scrittura. La scuola italiana di sassofono è nata qui a Salerno e i diretti depositari dei segreti del suono del caposcuola Francesco Florio ne sono il figlio Antonio e il nipote Francesco, i quali eseguiranno insieme due duetti di Claudio Taddei, anch'egli pioniere di questo strumento in quel di Roma, mentre il solo toccherà al Florio jr, il quale al contralto interpreterà una pagina altamente virtuosistica di Eugène Bozza "Improvisation et Caprice". Coloro che ascolteranno e coloro che suoneranno, prenderanno, così in prestito l'intenzionalità della musica, trovandovi un amalgama perduto di passato, presente e futuro, percorrendo avanti e indietro questo ponte infinito.

Galleria Fotografica

rank:

Eventi

La tradizione del Carnevale in Irpinia unita per celebrare un grande patrimonio culturale con un mese di iniziative ed eventi

Il Carnevale Princeps Irpino pronto ad inondare di feste, divertimento e tradizione la provincia di Avellino (e non solo). Si preparano i lunghi festeggiamenti dedicati ad una delle feste più amate dell'anno in Irpinia, il Carnevale, che si riunisce nelle sue varie espressioni del territorio sotto un'unica...

Carnevale: a Foiano della Chiana (Ar) torna il più antico d’Italia

Si spengono all'alba le luci dei quattro cantieri allegorici del Carnevale di Foiano della Chiana, il più antico d'Italia che nel borgo in provincia di Arezzo è giunto con il 2019 alla sua 480 esima edizione. Cinque domeniche di festa, dal 10 febbraio al 10 marzo, durante le quali le vie del paese saranno...

Per i 10 anni dal terremoto dell’Aquila, torna in scena lo spettacolo “Uomini Terra Terra” di Giorgio Cardinali dal 18 al 23 dicembre al Teatro Stanze Segrete

Il prossimo 6 aprile 2019 saranno passati 10 anni dal terremoto che ha distrutto l'Aquila, uccidendo 309 persone. Un "disastro naturale"! L'hanno scritto e detto giornalisti, scienziati e politici. Per l'occasione torna dal 18 al 23 dicembre al Teatro Stanze Segrete lo spettacolo "Uomini Terra Terra"...

“PALAZZO DI BABBO NATALE”: NEL CENTRO STORICO DI PRATA PRINCIPATO ULTRA (AVELLINO) LA MAGIA DI FIABE ED ELFI

PRATA PRINCIPATO ULTRA (AVELLINO) - Due week end all'insegna della magia, delle luci e dei profumi del Natale. A Prata Principato Ultra, dal 14 al 16 dicembre e dal 21 al 23 dicembre (dalle 17 alle 22), arriva il "Palazzo di Babbo Natale", un evento unico, giunto alla seconda edizione, che si concentrerà...

GRAN BALLO DI SISSI: L’OMAGGIO DELLA CITTÀ ETERNA ALL’ITALIA ROMANTICA

«Anche quest'anno la "magia" si ripete: sabato 10 novembre, la Compagnia Nazionale di Danza Storica celebrerà a Roma il tradizionale Gran Ballo di Sissi, in omaggio non solo al mito della principessa austriaca ma anche al fervore culturale dell'Italia dell'epoca che ancora oggi fa eco nella società odierna»....