Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa S. Maurizio martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 22 settembre

Ieri: 21 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiColori nell'antica Paestum

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Eventi

dal 12 aprile al 20 novembre, presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum (SA)

Colori nell'antica Paestum

vita dei colori e colori della vita

Scritto da (admin), venerdì 11 aprile 2014 17:37:36

Ultimo aggiornamento venerdì 11 aprile 2014 17:37:36

Un viaggio emozionante alla scoperta dei colori perduti di alcuni dei tesori conservati nel Museo Archeologico Nazionale di Paestum.

Un progetto di mecenatismo culturale per educare alla conoscenza e alla tutela del nostro patrimonio archeologico.

Il 12 aprile prossimo, inaugura la mostra Colori nell'antica Paestum. Vita dei Colori e Colori della Vita, un percorso espositivo dedicato ai colori del mondo antico all'interno del Museo Archeologico Nazionale di Paestum, aperto al pubblico fino al 30 novembre 2014.

ORARI

tutti i giorni 8.45 _ 19.30

[la biglietteria chiude alle 18.45]

chiuso il 1° e il 3° lunedì del mese

COSTO DEL BIGLIETTO

biglietto integrato museo, parco archeologico:

€ 10,00 intero

€ 5,00 ridotto

BIGLIETTO ORDINARIO MUSEO:

acquistabile esclusivamente nei giorni o nelle ore di chiusura del parco

€ 7,00 intero

€ 3,50 ridotto

INFO E PRENOTAZIONI

www.cilento-net.it

info@arte-m.net

Fabbrica Italiana Lapis ed Affini

VITA DEI COLORI e COLORI DELLA VITA.

La mostra è il primo risultato di un più ampio progetto Colori nella Storia promosso e sostenuto da FILA - Fabbrica Italiana Lapis e Affini - in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta che si propone di portare i musei all'interno del mondo della scuola, grazie alla produzione e alla diffusione gratuita di materiali elettronici.

"Ed è per questo che la mostra Colori nell'antica Paestum. Vita dei Colori e Colori della Vita - commenta Piero Frova, Direttore Marketing della più grande azienda italiana di strumenti per il disegno, il colore e la creatività - capovolge la logica convenzionale secondo la quale nascono prima le esposizioni, quindi la loro traduzione in educazione e didattica. Al contrario, la mostra Colori nell'antica Paestum ha preso avvio dal lavoro di studio e ricerca, in corso da oltre un anno, per la realizzazione del progetto educativo Colori nella Storia che verrà diffuso nel mondo della scuola sul finire del prossimo mese di settembre. Entrambi - l'esposizione rivolta al grande pubblico e il progetto Colori nella Storia per la scuola - esprimono, con forza, il medesimo impegno che, da anni, FILA si è assunta nel mondo del mecenatismo culturale rivolto soprattutto alle giovani generazioni".

"È con grande soddisfazione che ho accolto, lo scorso anno, la proposta di FILA di realizzare congiuntamente il progetto educativo Colori nella Storia - dichiara la dottoressa Adele Campanelli, Soprintendente ai Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta - e di darne una prima attuazione per il grande pubblico nella mostra Colori nell'antica Paestum all'interno del Museo Nazionale Archeologico. Un'adesione convinta, anche perché la volontà di innovare le modalità di approccio allo studio e alla comunicazione della Storia è, da sempre, uno degli obiettivi prioritari del mio personale impegno professionale e della Soprintendenza che dirigo.

La bella Mostra, che inaugura quest'anno la primavera di Paestum, propone una ricca serie di riflessioni e guida verso scoperte inedite che svelano come l'immaginario legato alla Storia dell'Arte antica sia in realtà molto convenzionale e incolore, mentre le nuove ricerche e gli studi hanno ormai restituito vita e espressività ai Monumenti.

L'educazione alla conoscenza del Patrimonio Archeologico passa oggi attraverso nuove letture dell'Antico che, con tecnologie innovative, possono arricchire il ventaglio di interessi anche per fasce di pubblico ampie. Il Museo diviene così il luogo della rivelazione dove tornare più volte a guardare con occhi sempre nuovi ciò che da tempo si conosce. Così l'artificio virtuale incontra la realtà tangibile e con essa si confronta sollecitando l'interesse del pubblico all'osservazione che ciò che rimane del Passato è la permanenza del progetto creativo e non un mutilo frammento.

Mi piace pensare, infatti, che la materia vera della Storia che i Musei Archeologici conservano possa essere il più efficace talismano per l'avvincente viaggio verso le origini della nostra Cultura".

La mostra Colori nell'antica Paestum: Vita dei Colori e Colori della Vita narra una storia lontana che si svolge fra il VI e il III secolo avanti Cristo, trasportando i visitatori nella città greca di Poseidonia, divenuta la lucana Paistom, quindi la romana Paestum. Il colore ne è il protagonista perché rappresenta un punto di vista di grande efficacia per restituire volti e parole ai materiali che la lunga storia del nostro paese ci ha consegnato. In questo caso, scopriremo l'importanza del colore nella vita dell'antica Paestum e, nello stesso tempo, la sua fragilità, analoga a quella delle nostre vite, perché i colori si deteriorano fino a dissolversi o lasciano soltanto labili tracce della loro antica presenza. Ecco perché il sottotitolo dell'esposizione è: Vita dei Colori e Colori della Vita. Allestita all'interno dell'esposizione permanente del Museo Archeologico Nazionale di Paestum, è articolata in tre nuclei tematici.

Restituzioni cromatiche.

Dieci pezzi scultorei in terracotta - realizzati fra il VI e il III secolo avanti Cristo - sono stati fedelmente ricostruiti in scala 1 a 1, grazie alle tecnologie dei laser scanner e delle stampanti 3d, quindi dipinti con cura, per restituire loro molti dei colori originari, scarsamente leggibili. Particolarmente interessanti sono: un grande frammento di cornicione con due teste di leone proveniente dal più antico tempio di Poseidonia, oggi noto come la Basilica, e una statua in trono di divinità, probabilmente Zeus.

Colori della Vita.

Sono le tombe dipinte, a restituirci preziose tranches de vie della greca Poseidonia e della lucana Paistom che vengono presentate attraverso due filmati multimediali, proiettati in 4 grandi schermi, in lingua italiana e inglese, e attraverso l'esposizione al pubblico, per la prima volta, di alcune inedite lastre dipinte lucane, frutto degli scavi archeologici più recenti. Un filmato è dedicato alla celebre Tomba del Tuffatore di Poseidonia e si articola in quattro momenti: La scoperta, Il simposio, Il tuffo, L'artefatto (materiali, tecniche, colori). L'altro, dedicato alle tombe delle aristocrazie lucane di Paistom, mostra l'evolversi della rappresentazione figurativa che di se stessa dava questa comunità sulle cui tradizioni non possediamo testimonianze scritte.

Prima delle Matite.

All'ingresso del museo Museo Archeologico di Paestum, nello spazio che evoca la cella di un tempio greco, è allestito il nucleo più colorato dell'esposizione: qui, infatti, sono esposte le sculture di Restituzioni cromatiche; qui è possibile toccare materiali lapidei e colori antichi, intonaci e malte e utensili; qui è possibile scoprire le tecniche di rappresentazione e coloritura degli antichi grazie alle molte tavole teorico-dimostrative realizzate ad hoc; qui è possibile mettere a confronto i colori floridi e quelli austeri degli antichi con i nostri colori dell'oggi. Uno spazio mostra, atelier e luogo di conversazione e dialogo fra il pubblico e il personale del museo presente per rispondere alle curiosità e ai quesiti dei visitatori: se il Museo parla al Pubblico, il Passato dialoga con il Presente.

Ente promotore

Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta

Organizzazione

Consorzio arte'm net

Partner

FILA S.p.A.

VITA DEI COLORI e COLORI DELLA VITA.

Museo Archeologico Nazionale di Paestum

12 aprile - 30 novembre 2014

Coordinamento generale

Adele Campanelli

A cura di

Marina Cipriani e Paola Pacetti

Filmati multimediali

Giovanni De Stefano, 3dsign

Paola Pacetti

Restituzioni cromatiche

Enzo Michele Sottile, Poliarte

Lorenzo Sanna

Prima delle matite

Enzo Michele Sottile, Poliarte

Paola Pacetti

Grafica

Pietro Bona, Kicomunicazione

Collaborazione alla selezione del materiale grafico e fotografico

Giovanni Avagliano

Fotografie

Giovanni Grippo, Francesco Valletta, Leonardo Vitola, Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta

Allestimento

Christian Bocciolo, Consorzio arte'm net

Restauri e Collaborazione all'allestimento

Pietro Stasi, Maria Palia Voza, Franco Calceglia, Raffaele Cantiello, Francesco Marino, Cinzia Marino, Enzo Passarella, Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta

Attività educative al pubblico

Gelsomina Agangi, Gaetano Cantalupo, Rossella Tedesco, Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta

Consorzio arte'm net, Le Nuvole

Ufficio promozione Soprintendenza

Simona Di Gregorio, Renata Di Lascio

Galleria Fotografica

rank:

Eventi

"Cantine in Piazza": Venerdì la grande festa del Vino Nobile di Montepulciano

Tutto pronto a Montepulciano (Si) per venerdì 17 agosto per il grande appuntamento dell'estate poliziana, "Cantine in Piazza". A partire dalle 20, decine di aziende di Vino Nobile di Montepulciano troveranno spazio nell'affascinante e suggestivo banco d'assaggio in Piazza Grande per presentare agli appassionati...

Streetfood: Quello con la Tendina scelto da Terrasound

Dai Food Truck ai chioschi attrezzati, lo Streetfood Village sbarca a Pescara, in Abruzzo, dove dall'11 al 14 luglio sarà protagonista nell'area food del Terrasound Festival, il grande appuntamento dell'estate promosso dalla città abruzzese. Sono attesi oltre 40 mila spettatori a questo evento che vedrà...

Con-vivere "il lavoro", torna il festival di Carrara dal 6 al 9 settembre 2018

Se c'è un tema che misura i modi di convivenza tra gli uomini, il livello di civiltà dei continenti, la cultura e i bisogni dei popoli; che sta al centro della vita dei singoli e, contemporaneamente, della collettività, quello è il "lavoro". Sarà questo il tema della tredicesima edizione di con-vivere,...

Cibo di Strada: a Beausoleil il gemellaggio Italia-Francia

Parte nel segno del tricolore e della festa nazionale lo Street Food Village di Beausoleil, cittadina francese alle porte del Principato di Monaco dove fino a domenica 3 giugno è in corso l'evento promosso dall'associazione italiana Streetfood che valorizza il cibo di strada. Il taglio del nastro è stato...

Cantine Aperte: tra arte e paesaggio in Toscana il vino svela tutto il bello

"Gustiamo il bello della Toscana". E' il motivo e anche il tema che il Movimento Turismo del Vino Toscana ha scelto per la prossima edizione di Cantine Aperte, in programma sabato 26 e domenica 27 maggio. Sarà dunque "il bello" il filo conduttore che unirà le circa cento aziende che apriranno le porte...