Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa S. Tecla vergine martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiL’oggetto del desiderio. Europa torna a Sant’Agata

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Eventi

Fino al 17 maggio, presso la Chiesa di San Francesco di Sant'Agata de' Goti (BN)

L’oggetto del desiderio. Europa torna a Sant’Agata

ritorna nel luogo del suo ritrovamento il celebre cratere di Assteas

Scritto da (admin), lunedì 27 aprile 2015 19:47:26

Ultimo aggiornamento lunedì 27 aprile 2015 19:47:26

Giovedì 18 dicembre sarà inaugurata la mostra archeologica "L'oggetto del desiderio. Europa torna a Sant'Agata". L'iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta e il Comune di Sant'Agata de' Goti, segna finalmente il ritorno del celebre cratere di Assteas, raffigurante il rapimento di Europa, nella sua terra di origine.
Il vaso fu rinvenuto, infatti, da scavatori clandestini negli anni Settanta del secolo scorso proprio nella necropoli sannitica di Sant'Agata de' Goti, l'antica Saticula. Dopo essere stato ceduto dai tombaroli per un milione di lire e un maialino, transitò sul mercato antiquario e nel 1981 fu acquistato dal Paul Getty Museum di Malibu per 380.000 dollari. Nel 2007 il cratere è stato restituito all'Italia, grazie a complesse indagini investigative svolte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale; da allora è stato esposto in maniera permanente presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum e ospitato in prestigiose sedi - Palazzo del Quirinale e Palazzo Massimo a Roma, Palazzo dell'Unesco di Parigi - all'interno di mostre temporanee, ma mai nel suo luogo di ritrovamento.
L'esposizione è allestita all'interno della chiesa di San Francesco, di proprietà del Comune di Sant'Agata de' Goti, già sede dal 2012 della mostra "Sulle tracce di Saticula" che raccontava l'importanza archeologica dell'insediamento e i danni perpetrati dai clandestini alle ricche necropoli saticulane.
La mostra prevede un percorso espositivo molto suggestivo in cui, mediante videoproiezioni, sarà narrata a trecentosessanta gradi la storia del vaso dal momento della sua creazione nel IV secolo a.C. fino al suo ritorno a Sant'Agata de' Goti.
All'ingresso della chiesa una prima installazione video restituisce l'inquadramento storico-archeologico dell'antica Saticula, uno dei centri principali del Sannio caudino occupato fin dall'età preistorica.
Di seguito, su un grande schermo centrale, si narrano le vicissitudini del cratere dal momento del suo trafugamento da una tomba di Saticula fino al rientro nella terra d'origine, facendo riferimento anche ai numerosi vasi depredati dalle necropoli del centro caudino e oggi esposti nei più importanti musei del mondo.
Al termine del percorso, al centro del coro ligneo dietro l'altare, è esposto "l'oggetto del desiderio", il cratere raffigurante il rapimento di Europa da parte di Zeus nelle sembianze di un toro bianco. Il pubblico potrà così conoscere la figura del ceramografo pestano Assteas, artigiano attivo a Paestum tra il 375 e il 350 a.C., che, unico in Italia meridionale, era solito firmare le sue opere migliori, come nel caso del nostro vaso. Infine, attraverso il minimapping - una videoproiezione effettuata direttamente sul cratere - le figure dipinte sul vaso si animeranno per ridare nuova vita al mito della passione tra Europa e Zeus.
La mostra resterà aperta fino al 17 maggio 2015, data in cui il cratere lascerà Sant'Agata de' Goti per essere esposto a Palazzo Reale di Milano, nell'ambito degli eventi previsti per Expo 2015.
Al suo rientro sarà definitivamente collocato negli spazi del Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino a Montesarchio.

Galleria Fotografica

rank:

Eventi

"Cantine in Piazza": Venerdì la grande festa del Vino Nobile di Montepulciano

Tutto pronto a Montepulciano (Si) per venerdì 17 agosto per il grande appuntamento dell'estate poliziana, "Cantine in Piazza". A partire dalle 20, decine di aziende di Vino Nobile di Montepulciano troveranno spazio nell'affascinante e suggestivo banco d'assaggio in Piazza Grande per presentare agli appassionati...

Streetfood: Quello con la Tendina scelto da Terrasound

Dai Food Truck ai chioschi attrezzati, lo Streetfood Village sbarca a Pescara, in Abruzzo, dove dall'11 al 14 luglio sarà protagonista nell'area food del Terrasound Festival, il grande appuntamento dell'estate promosso dalla città abruzzese. Sono attesi oltre 40 mila spettatori a questo evento che vedrà...

Con-vivere "il lavoro", torna il festival di Carrara dal 6 al 9 settembre 2018

Se c'è un tema che misura i modi di convivenza tra gli uomini, il livello di civiltà dei continenti, la cultura e i bisogni dei popoli; che sta al centro della vita dei singoli e, contemporaneamente, della collettività, quello è il "lavoro". Sarà questo il tema della tredicesima edizione di con-vivere,...

Cibo di Strada: a Beausoleil il gemellaggio Italia-Francia

Parte nel segno del tricolore e della festa nazionale lo Street Food Village di Beausoleil, cittadina francese alle porte del Principato di Monaco dove fino a domenica 3 giugno è in corso l'evento promosso dall'associazione italiana Streetfood che valorizza il cibo di strada. Il taglio del nastro è stato...

Cantine Aperte: tra arte e paesaggio in Toscana il vino svela tutto il bello

"Gustiamo il bello della Toscana". E' il motivo e anche il tema che il Movimento Turismo del Vino Toscana ha scelto per la prossima edizione di Cantine Aperte, in programma sabato 26 e domenica 27 maggio. Sarà dunque "il bello" il filo conduttore che unirà le circa cento aziende che apriranno le porte...