Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa S. Teresa d'Avila

english italiano

Date rapide

Oggi: 15 ottobre

Ieri: 14 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiLetture dal volume "Ho coltivato sogni" di Sigismondo Nastri

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Eventi

Sabato 11 gennaio, alle ore 18, presso il Salone degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo di Maiori (SA)

Letture dal volume "Ho coltivato sogni" di Sigismondo Nastri

L’iniziativa, coordinata da Donato Sarno, è promossa dal Comune-Assessorato al turismo cultura e spettacolo e dall’associazione “La feluca”. Le sottolineature musicali saranno a cura di Michela Ruggiero

Scritto da Sigismondo Nastri (admin), martedì 7 gennaio 2014 21:50:06

Ultimo aggiornamento martedì 7 gennaio 2014 21:50:06

Sabato 11 gennaio 2014, alle ore 18.00, nel salone degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo, a Maiori, è in programma un "incontro" con la poesia di Sigismondo Nastri, che leggerà alcune liriche tratte dalla raccolta "Ho coltivato sogni", edita di recente da De Luca-Salerno. L'iniziativa, coordinata da Donato Sarno, è promossa dal Comune-Assessorato al turismo cultura e spettacolo e dall'associazione "La feluca". Le sottolineature musicali saranno a cura di Michela Ruggiero.

"Ho coltivato sogni" raccoglie le poesie scritte da Nastri, che a breve compirà 79 anni, in tutto il suo percorso di vita: almeno, quelle che è riuscito a recuperare tra le sue carte. La poesia - dice - «mi è servita per manifestare le mie emozioni, i miei sentimenti. Per raccontare momenti di vita vissuta. E' una poesia autoreferenziale? Certamente sì, perché è da lì, dai sentimenti, dalle emozioni, che parte sempre l'ispirazione. Credo, del resto, che avvenga in tutte le arti. Da una emozione provata, da una sensazione particolare avvertita, da una soggettiva visione della realtà, nasce il bisogno di esprimersi con certe parole, e solo con quelle».

Rino Mele, nella prefazione, pone l'accento su un elemento che caratterizza la poesia di Sigismondo Nastri: il mare, "padre e madre". E' tra i sipari delle onde - aggiunge - che egli costruisce la sua casa e, in essa, una stanza, la più interna e nascosta, dove sogna il suo annegare e salvarsi tra un'onda più forte e la successiva, sempre in quell'azzurro cupo, turchese, della costa. «Al suo mare genitoriale torna sempre, come un penitente che sciolga un rimorso che non sa: "Alla soglia del cielo / trovo pace e silenzio / quando il sole si cala nel mare / là dove la costa si fonde / con l'isola azzurra". [...] Questa sua scrittura fortemente autobiografica (secondo una tradizione lirica consumata) è attraversata dalla nostalgia di essere escluso dalle rappresentazioni della natura: un adamo cacciato dal Paradiso terrestre. Quel luogo perduto forse è nella linea dell'orizzonte ed è lì che vorrebbe trovar pace: "Muri dipinti adornano le case, / gerani in fiore le linde terrazze, / cortili, poggi, vie, scalinatelle / vertiginose, lunghe, impervie, belle / che vanno verso il cielo e verso il mare"».

Nella poesia di Sigismondo Nastri - ha rilevato Ambrogio Ietto, recensendo il libro - colpisce il succedersi di ricordi e di esperienze passate che, grazie ad un magico processo catartico-liberatorio, finiscono col trasformarsi in sogni. Nastri ha ragione, aggiunge,«nell'identificare il ricordo con la "storia vissuta di gesti, parole, illusioni, tormenti, sconfitte, protetto dalla pietra del tempo". La raccolta, infatti, non è avara di ricordi che vanno dal richiamo mentale del "pane nero di segala dura" divorato dal "bimbo cresciuto all'ombra dei cannoni", nel corso delle vicende anche drammatiche dell'ultimo conflitto bellico, alla "notte senza silenzio" tra il 25 e il 26 ottobre del 1954 di Maiori, animata dai vortici d'acqua del Reginna e dalle urla degli alluvionati soccombenti. Di straordinaria intensità le "preghiere" che confermano, nell'autenticità del messaggio, la salda, invidiabile fede di Sigismondo Nastri, profondamente immerso in un ricorrente stato d'animo intonato ad una vaga tristezza ma fortunatamente alimentato dalla speranza della "porta che conduce alla luce"».

Galleria Fotografica

rank:

Eventi

"Cantine in Piazza": Venerdì la grande festa del Vino Nobile di Montepulciano

Tutto pronto a Montepulciano (Si) per venerdì 17 agosto per il grande appuntamento dell'estate poliziana, "Cantine in Piazza". A partire dalle 20, decine di aziende di Vino Nobile di Montepulciano troveranno spazio nell'affascinante e suggestivo banco d'assaggio in Piazza Grande per presentare agli appassionati...

Streetfood: Quello con la Tendina scelto da Terrasound

Dai Food Truck ai chioschi attrezzati, lo Streetfood Village sbarca a Pescara, in Abruzzo, dove dall'11 al 14 luglio sarà protagonista nell'area food del Terrasound Festival, il grande appuntamento dell'estate promosso dalla città abruzzese. Sono attesi oltre 40 mila spettatori a questo evento che vedrà...

Con-vivere "il lavoro", torna il festival di Carrara dal 6 al 9 settembre 2018

Se c'è un tema che misura i modi di convivenza tra gli uomini, il livello di civiltà dei continenti, la cultura e i bisogni dei popoli; che sta al centro della vita dei singoli e, contemporaneamente, della collettività, quello è il "lavoro". Sarà questo il tema della tredicesima edizione di con-vivere,...

Cibo di Strada: a Beausoleil il gemellaggio Italia-Francia

Parte nel segno del tricolore e della festa nazionale lo Street Food Village di Beausoleil, cittadina francese alle porte del Principato di Monaco dove fino a domenica 3 giugno è in corso l'evento promosso dall'associazione italiana Streetfood che valorizza il cibo di strada. Il taglio del nastro è stato...

Cantine Aperte: tra arte e paesaggio in Toscana il vino svela tutto il bello

"Gustiamo il bello della Toscana". E' il motivo e anche il tema che il Movimento Turismo del Vino Toscana ha scelto per la prossima edizione di Cantine Aperte, in programma sabato 26 e domenica 27 maggio. Sarà dunque "il bello" il filo conduttore che unirà le circa cento aziende che apriranno le porte...