Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 giorni fa S. Arsenio diacono

english italiano

Date rapide

Oggi: 19 luglio

Ieri: 18 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast official Hotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: EventiSiciliaGuido Reni e la magnificente bellezza. Capolavori da Ascoli Piceno

L'edizione 2018 del Festival più atteso in Costiera Amalfitana: Ravello Festival 2018 Italia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Sicilia

fino al 5 novembre presso la Chiesa di San Calogero a Nicosia (Enna)

Guido Reni e la magnificente bellezza. Capolavori da Ascoli Piceno

Scritto da (admin), giovedì 6 luglio 2017 15:30:25

Ultimo aggiornamento giovedì 6 luglio 2017 15:30:25

La bellissima Annunciazione, dipinta da Guido Reni intorno al 1628 e proveniente dalla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, diventa testimonial, insieme a due tele di Giacinto Brandi, del vasto patrimonio artistico che è stato danneggiato dal devastante terremoto che ha colpito il centro Italia e in particolare le Marche.
Visitando la mostra e acquistando il catalogo è possibile contribuire al restauro di un dipinto custodito ad Ascoli Piceno e danneggiato dal terremoto.

Un capolavoro assoluto dell'arte del Seicento, "da tutti i virtuosi ammirata per una delle più belle, se non la più bella delle sue bellissime dipinture", approda nel cuore della Sicilia per sostenere il territorio marchigiano ferito dall'ultimo sisma.
La somma bellezza dell'arte "senza tempo" di Guido Reni si può ammirare a Nicosia insieme ad altre due tele pendant del caravaggesco Giacinto Brandi con il Beato Bernardo Abate e San Benedetto Abate, provenienti dalla chiesa ascolana di Sant'Angelo Magno, da dove sono state rimosse in seguito ai danni riportati dal terremoto del 30 ottobre 2016.
Le opere marchigiane trovano una location d'eccezione all'interno della Chiesa di San Calogero, un gioiello da riscoprire del barocco siciliano, edificato alla fine del Seicento dalla Confraternita di Santa Maria degli agonizzanti, dove agli inizi del Settecento porta a compimento un ciclo di affreschi il pittore nicosiano Filippo Randazzo che era stato allievo a Roma di Sebastiano Conca.

La mostra non è soltanto un'occasione unica per ammirare le opere ascolane, ma anche la possibilità di scoprire l'arte a Nicosia che possiede preziosi gioielli poco noti al grande pubblico.
Infatti, è possibile visitare l'esclusivo e assai raro soffitto ligneo dipinto quattrocentesco (per info e prenotazioni www.guidorenianicosia.it), nascosto in Cattedrale sotto l'attuale soffitto ottocentesco, affrescato dai fratelli Manno. In Cattedrale, poi, sono custodite opere di Josepe de Ribera detto lo Spagnoletto, di Salvador Rosa e di Pietro Novelli, ma anche una copia della Crocifissione di San Pietro che un anonimo artista ha eseguito intorno alla fine del Seicento, ispirandosi alla ben nota composizione di Guido Reni, a testimonianza della fama dell'artista sull'isola e in particolare a Nicosia, dove si trovano anche copie di altri artisti seicenteschi. Non solo, Nicosia conserva straordinari affreschi eseguiti nel 1714 dentro la Chiesa di San Vincenzo dal pittore fiammingo Guglielmo Borremans che dopo un recente restauro sono ritornati agli antichi splendori di un barocco entusiasmante e coinvolgente.

L'arte aiuta l'arte a ritrovare un'identità ferita e a scoprire un territorio nel cuore della Sicilia che riserva grandi sorprese.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Sicilia

L'essenziale verità delle cose. Francesco Trombadori

Alla Galleria d'Arte Moderna di Palermo, dal 24 marzo al 2 settembre 2018, vengono esposte circa sessanta tele, dipinte tra il 1915 e il 1961, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private di tutta Italia, disegni, libri, cataloghi di mostre e articoli di giornale provenienti dall'Archivio...

PABLO ECHAURREN SOFT WALL

Mostra promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo con il Comune di Catania - Assessorato ai Saperi e Bellezza Condivisa a cura di Francesca Mezzano «La beauté est dans la rue», slogan del maggio francese, può essere considerato il concept della mostra che, pur attraversando...

Henri Cartier-Bresson Fotografo

Ha aperto al pubblico sabato 21 ottobre alla Galleria d'Arte Moderna di PalermoHenri Cartier-Bresson Fotografo, 140 scatti in una grande mostra promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo e organizzata da Civita in collaborazione con la Fondazione Henri Cartier-Bresson e Magnum Photos...

SERPOTTA E IL SUO TEMPO

Oltre 100 opere tra dipinti, marmi, stucchi, oreficerie, avori, coralli, disegni, stampe e testi antichi raccontano, per la prima volta in una grande esposizione, uno dei momenti più affascinanti e significativi della cultura figurativa a Palermo: lo straordinario connubio tra le arti e l'interazione...