Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Elena imperatrice

english italiano

Date rapide

Oggi: 18 agosto

Ieri: 17 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast official Hotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleBologna-KURT O. RÖMHILD E JOHANN ZECHMEISTER

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera Amalfitana Amalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua Provincia L'edizione 2018 del Festival più atteso in Costiera Amalfitana: Ravello Festival 2018 Italia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

Bologna-KURT O. RÖMHILD E JOHANN ZECHMEISTER

Due artisti per rappresentare la doppia anima dell'arte tedesca alla galleria Campo di Bologna

Scritto da (admin), lunedì 28 gennaio 2008 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 28 gennaio 2008 00:00:00

Nei due livelli della galleria - quello superiore bianco e rarefatto, e quello inferiore ombroso e delabré - il lavoro dei due artisti tedeschi si contrappone e dialoga rappresentando la doppia anima che pervade l'arte tedesca: da un lato lo sguardo contemplativo, dall'altro l'azione e il gesto come atto espressivo.

Nelle opere di Kurt Römhild si percepisce l'ordine che segretamente organizza la kasbah, la regola geometrica nascosta che riassume e svela, con la sua carica di simbolo divino, una rigorosa struttura dello spirito. Così, frammenti di plastica colorata portati sulle sponde del Mediterraneo dalle forti mareggiate dell'inverno si ricompongono in una nuova forma cangiante, che porta con sé il delirio febbrile di Marrakesh e l'ombra fresca dei giardini d'Oriente. Le opere di Kurt sono anagrammi, e gli oggetti da lui raccolti sono sintagmi provenienti da un lontano passato che sopravvive nei materiali industriali, nella precaria sostanza che compone il nostro tempo. Solo la sensibilità riorganizza quei lacerti in un discorso comprensibile, capace di donarci frammenti visibili di un altrove atemporale, celato alla prevaricante invadenza di uno sguardo frettoloso.

Il lavoro di Joahnn Zechmeister testimonia invece i legami con un certo filone della tradizione tedesca compreso e tradotto secondo regole nuove, fino a costruire un lessico familiare che diviene la struttura sottesa ad un percorso di distruzione della forma. Nei suoi lavori è come se il recupero di una memoria privata venisse riletto sotto la luce artificiale che rischiara, sempre uguale, gli ambienti sotterranei della modernità. In quegli spazi immoti e impersonali note jazz sembrano guidare i segni tracciati con vigore sulla spessa carta, e dove una disarticolata melodia punk attraversa i volti confusi in un intricato sistema di piani diversi.

________________________________________
Kurt O. Römhild e Johann Zechmeister
dal 1 dicembre 2007 al 15 gennaio 2008
Orari:lun-sab 9-13/16-20
Galleria Campo
via belvedere 2/a-2/b - Bologna
telefono: 051-266043
evento sponsorizzato da Azienda agricola I Campetti
icampetti@virgilio.it

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Lifestyle

Esiste un nuovo “Post” a Coroglio...

Esiste una regola per cui quando un POST ha colpito l'attenzione di chi lo legge bisogna vistarlo con un "mi piace", commentarlo e condividerlo. Condividere vuol dire investire tempo e risorse in qualcosa che piace, da porre poi sotto l'ala protettiva dei social. Quid pro quo. Dare per avere. Il resto...

Totò le Mokò, il panino dedicato al principe della risata e al progetto 50 Anni senza Totò

Totò è nel cuore dei napoletani, lo dimostrano le centinaia di iniziative che in queste settimane sono state organizzate a Napoli in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Quest'anno ricade il cinquantesimo anniversario dalla morte del grande Totò e Napoli, la sua città, ha deciso di celebrarlo...

Luca Buccheri Chef del Dum Dum Republic di Paestum (SA)

Intenso e appassionato: è Luca Buccheri, "chef d'amore e d'anarchia", da quest'anno alla guida del ristorante del Dum Dum Republic di Paestum (SA). Un talento naturale dall'animo irrequieto. La sua è una visione originale che tende a spingere i sapori verso un nuovo orizzonte sensoriale, attraverso la...

Ravello Festival 2016

PRESENTATA A ROMA LA 64ESIMA EDIZIONE DEL RAVELLO FESTIVAL SI PARTE IL 1°LUGLIO Sul podio direttori d'orchestra come Yuri Temirkanov, il primo artista russo al quale fu consentito di esibirsi in Russia dopo la ripresa delle relazioni culturali con l'Unione Sovietica, alla fine della guerra in Afghanistan....