Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa S. Maurizio martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 22 settembre

Ieri: 21 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleDALÌ IL GENIO

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

DALÌ IL GENIO

Scritto da (admin), mercoledì 24 agosto 2011 11:16:27

Ultimo aggiornamento mercoledì 24 agosto 2011 11:16:27

Otranto - Castello Aragonese - 28 maggio-25 settembre 2011
Orari: maggio 10-13 / 15-19; giugno e settembre 10-13 / 15-22; luglio e agosto 10-24. Aperto tutti i giorni.
Ingresso: intero 6,00 euro; ridotto 4,00 euro (6-14 anni, oltre 65 anni, scolaresche, diversamente abili e relativi accompagnatori, gruppi superiori a 20 unità, convenzioni attive).
Visita guidata individuale alla mostra + castello a orari prestabiliti (in italiano):
- tutti i giorni luglio e agosto ore 17:00 - 18:00 - 19:00; 2,00 euro + ticket d'ingresso
Visita guidata di gruppo su prenotazione (in italiano, inglese o francese)
- solo mostra: gruppi 80,00 euro + ticket d'ingresso; scuole 60,00 euro + ticket d'ingresso
- mostra + castello: gruppi 100,00 euro + ticket d'ingresso; scuole 80,00 euro + ticket d'ingresso
Info e prenotazioni: Tel. 199.151.123 - infoline@sistemamuseo.it - www.daliotranto.it

Dal 28 maggio al 25 settembre (ingresso 6/4 euro) il Castello Aragonese di Otranto (Le) ospita la mostra "Dalì il genio", a cura di Alice Devecchi. Questo evento apre la terza stagione di grandi mostre del Castello di Otranto, contenitore culturale gestito dalla Società cooperativa Sistema Museo di Perugia e dall'Agenzia di Comunicazione Orione di Maglie, con la direzione artistica dell'architetto Raffaela Zizzari. Dopo il grande successo degli ultimi due anni con le mostre di Joan Mirò e Pablo Picasso, che hanno registrato 90mila presenze complessive, il castello apre le porte a uno dei più importanti artisti contemporanei del '900, affermandosi come punto di riferimento per l'arte e la cultura a livello nazionale e internazionale.

La mostra accoglie sei sculture originali in bronzo, tra le quali "Elefante cosmico" (di grandi dimensioni - h 120 x 90 x 350 cm), e una selezione di cinquantaquattro incisioni originali, che spaziano nel mondo del surreale per illustrare temi e testi letterari e che ancora una volta testimoniano la grande capacità grafica del maestro spagnolo. Dal clima gotico travasato in surrealismo bianco/nero de "Il Castello di Otranto", ai colori pallidi delle "Fiabe Giapponesi", al vuoto di colore della carta lasciata nuda in "Tristano e Isotta", al nero e oro glitterato degli "Amours Jaunes", Dalì precipita con la sua gamma espressiva multiforme nel vero Castello Aragonese di Otranto. Lo invade, lo trasforma, semina il panico con il suo ingombrante mistero, proprio come il gigantesco elmo che mette in moto la trama del romanzo di Walpole che l'artista spagnolo illustra in una delle serie di incisioni in mostra. Dalì si muove, agile e rapido come un gatto, tra testi completamente diversi per registro, tono, epoca, con l'unico filo rosso che è l'indubbia riconoscibilità delle sue figurette allungate, delle sue fughe vertiginose di linee, della sua irreprensibile indole provocatoria. Le sculture in bronzo paiono la materializzazione dei personaggi che Dalì dirige nella sua opera grafica, attori che si muovono in scena nonostante le loro articolazioni molli, senz'ossa, raccontando ognuna la sua storia più o meno eroica.

"Le serie grafiche in mostra sono legate a testi molto diversi, per epoca, per registro, oltre che per trama", precisa la curatrice Alice Devecchi. "Per ognuna si può intuire quale elemento abbia agganciato l'attenzione di Dalì permettendogli di affrontare con i suoi strumenti figurativi la narrazione per immagini". "Le sculture - prosegue - paiono la materializzazione dei personaggi che Dalì dirige nella sua opera grafica, attori che si muovono in scena nonostante le loro articolazioni molli, senz'ossa, raccontando ognuna la sua storia più o meno eroica. La vocazione alla teatralità che l'artista ha sempre avuto nell'arte come nella vita suggerisce in quest'occasione una disposizione delle sue opere plastiche in guisa di interpreti a tre dimensioni di ogni storia raccontata nei fogli incisi".

In occasione della mostra, il Castello sarà, inoltre, animato dalla rassegna collaterale OltreDalì a cura di Raffaela Zizzari, che trasforma il castello in una tappa obbligatoria per chiunque visiti Otranto, mutandolo in una grande macchina culturale dedicata all'arte e alle sue nuove espressioni. Dai baffi ceramici di Monica Righi alle tele molli di Pasquale Pitardi, dal fuori scala di Marino Ficola alle sedie di Luigi Orione Amato, dalle miniaturistiche illustrazioni di Massimo Pasca ai macro ciottoli di Studio Paladini, dalla seduta bocca di Gufram alle sedute di Romano Alcide Rizzo e un eccezionale omaggio di Fabio Novembre.

Personalità complessa e ricca di fantasia, Salvador Dalì (Figueras, Catalogna, 1904-1989) ha operato con vivace sensibilità e singolare estro creativo in vari campi dell'arte: pittore, scultore, scrittore, illustratore, scenografo, disegnatore di gioielli e di mobili. Le sue molteplici manifestazioni artistiche hanno suscitato da parte della critica giudizi contrastanti che coinvolgono assieme all'opera anche l'uomo, anzi, il personaggio, per taluni atteggiamenti di vistoso gusto eccentrico.

La curatrice Alice Devecchi ha frequentato il liceo classico C. Beccaria di Milano, conseguito la laurea triennale in Scienze dei beni culturali presso l'Università degli Studi di Milano nel 2005 e la laurea specialistica in Storia dell'Arte presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo". Lavora a Urbino, con due architetti, un grafico e una storica dell'arte nel campo della progettazione di allestimenti di mostre e di musei, cura di cataloghi, realizzazione di prodotti multimediali per esposizioni, cura di mostre. Ha ottenuto una menzione speciale per il saggio "Il ventre del pentagono. Geometria magia e salute nel Lazzaretto di luigi Vanvitelli", nell'ambito del premio Ucare per l'Arte 2009 bandito dalla Fondazione Quarta Onlus di Milano. Ha pubblicato "Ca' Romanino. Una casa di Giancarlo De Carlo a Urbino", Argalia editore, Urbino 2010.

Elenco delle opere
- 1 scultura di grandi dimensioni:
- Elefante cosmico, bronzo h 120 x 90 x 350 cm
- 5 sculture di medie dimensioni:
- Perseo, bronzo h 73 x 36,5 x 29,5 cm
- Hombre sobre delfin, bronzo h 42,5 x 47,5 x 15 cm
- Trajano a caballo, bronzo h 65,5 x 52,5 x 42,5 cm
- Mujer desnuda, bronzo h 55 x 32,5 x 37,5 cm
- Mujer con faldas, bronzo h 69,5 x 38 x 15 cm
- 13 incisioni all'acquaforte da "Il Castello di Otranto"
- 21 incisioni a puntasecca da "Tristano e Isotta"
- 10 incisioni all'acquaforte e finitura in oro de "Les amours jaunes"
- 10 incisioni a puntasecca colorate a stencil dalle "Fiabe giapponesi"

IL CASTELLO ARAGONESE DI OTRANTO
A pianta pentagonale irregolare con tre torrioni cilindrici e un poderoso bastione a forma di lancia, soprannominato "Punta di Diamante", che si spinge verso il porto, con un fossato che si estende per tutto il perimetro e nell'antichità era munito di ponte levatoio. Fu edificato tra il 1485 e il 1498 dagli Aragonesi di Napoli, probabilmente su una costruzione preesistente del periodo federiciano, avvalendosi della consulenza di Francesco di Giorgio Martini, il genio dell'architettura militare rinascimentale. Nel 1647 furono apportate opere di consolidamento e furono restaurate la "Torre Mastra" e l'intera cinta muraria. Sul portale d'accesso campeggia l'emblema di Carlo V d'Asburgo. All'interno della fortezza vi è una piazzetta a pianta quadrangolare con una scalinata che porta ai piani alti. Il piazzale superiore del castello, a un'altezza di 16 metri, è munito di cannoniere e merlone. Agli inizi del 1800 le milizie napoleoniche manomisero la quasi totalità dell'apparato difensivo di Otranto. Nel 1897, parte del fossato fu riempito di terra per consentire l'accesso al borgo antico, ma poi alla fine del secolo successivo è stato ripristinato lo stato originario. Nel corso del 2009 è divenuto un importante contenitore culturale, con mostre ed eventi di grande spessore.

Il Castello è aperto tutto l'anno con i seguenti orari:
gennaio e febbraio 10:00 - 13:00 / 15:00 - 17:00 chiuso il lunedì marzo 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00 chiuso il lunedì aprile e maggio 10:00 - 13:00 / 15:00 - 19:00 aperto tutti i giorni giugno 10:00 - 13:00 / 15:00 - 22:00 aperto tutti i giorni luglio e agosto 10:00 - 24:00 aperto tutti i giorni settembre 10:00 - 13:00 / 15:00 - 22:00 aperto tutti i giorni ottobre 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00 chiuso il lunedì novembre e dicembre 10:00 - 13:00 / 15:00 - 17:00 chiuso il lunedì Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. Visite guidate e aperture straordinarie su prenotazione.

Galleria Fotografica

rank:

Lifestyle

Streetfood 4 wheels: a Segrate il cibo di strada Con la Tendina

E' una delle feste più importanti dell'area, "Noi Segrate", il grande evento che si svolgerà nella città lombarda dal 7 al 9 settembre coinvolgendo diversi settori, dallo sport alla salute, con approfondimenti di vario genere. Per la parte food l'Amministrazione comunale di Segrate (Mi), organizzatore...

Forbes: Montepulciano al primo posto delle mete internazionali del vino

"Oltre ad essere la città di origine di uno dei vini più leggendari d'Italia, Montepulciano ha la particolarità di sembrare un set cinematografico oltre a essere una perfetta città toscana". Comincia così l'articolo pubblicato da Forbes, la rivista di finanza con sede a New York più famosa al mondo,...

Esiste un nuovo “Post” a Coroglio...

Esiste una regola per cui quando un POST ha colpito l'attenzione di chi lo legge bisogna vistarlo con un "mi piace", commentarlo e condividerlo. Condividere vuol dire investire tempo e risorse in qualcosa che piace, da porre poi sotto l'ala protettiva dei social. Quid pro quo. Dare per avere. Il resto...

Totò le Mokò, il panino dedicato al principe della risata e al progetto 50 Anni senza Totò

Totò è nel cuore dei napoletani, lo dimostrano le centinaia di iniziative che in queste settimane sono state organizzate a Napoli in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Quest'anno ricade il cinquantesimo anniversario dalla morte del grande Totò e Napoli, la sua città, ha deciso di celebrarlo...

Luca Buccheri Chef del Dum Dum Republic di Paestum (SA)

Intenso e appassionato: è Luca Buccheri, "chef d'amore e d'anarchia", da quest'anno alla guida del ristorante del Dum Dum Republic di Paestum (SA). Un talento naturale dall'animo irrequieto. La sua è una visione originale che tende a spingere i sapori verso un nuovo orizzonte sensoriale, attraverso la...