Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa S. M. Maddalena de' Pazzi

english italiano

Date rapide

Oggi: 25 maggio

Ieri: 24 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle - Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleGallipoli: Troppe affinità evidenti

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

dal 1 al 30 Agosto 2015

Gallipoli: Troppe affinità evidenti

Con una mostra l’artista gallipolina Paola Marzano rimette in gioco la matrice orientale degli Etruschi

Scritto da Paola Marzano (admin), giovedì 23 luglio 2015 12:59:13

Ultimo aggiornamento giovedì 23 luglio 2015 12:59:13

Sbarca a Gallipoli nelle storiche sale dell'Ex Mercato Coperto, dall' 1 al 30 agosto 2015, la terza tappa della suggestiva mostra "Il Linguaggio Segreto di un Gesto - Opere e Studi di Paola Marzano", accompagnata dal testo critico di Carmelo Cipriani, in cui l'artista analizza il "Sarcofago degli Sposi" (VI sec. a.C.), una delle opere etrusche più belle e famose della collezione museale di Villa Giulia di Roma.

E' un progetto artistico itinerante voluto dalla Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell'Etruria Meridionale, presentato per la prima volta presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, in seconda battuta a Cerveteri, luogo di ritrovamento del gruppo scultoreo.

Attraverso un'osservazione attenta e una lettura simbolica, per troppo tempo elusa, taciuta o sottovalutata, della gestualità dei due Sposi intenti, secondo l'interpretazione ufficiale, a versarsi unguenti profumati, l'artista riconosce e svela la presenza di Mudra, movimento delle mani tipico di danze sacre indiane.

Sostiene l'artista "A tutt'oggi il mondo storico - archeologico italiano disconosce le origini Orientali etrusche riconosciute, invece, dalla maggior parte degli storici di tutto il mondo. E qui si apre il dibattito sulle origini della stessa civiltà Occidentale la cui paternità non può essere attribuita solo a Greci e Romani. Lo stesso David Herbert Lawrence nel suo libro di viaggio del 1932 "Etruscan Places" si meraviglia che, delle numerose "pietre falliche" presenti all'ingresso delle tombe etrusche, non sia mai stato scritto nulla, sottovalutate dagli archeologi che le hanno definite semplicemente cippi, ma che in realtà collegano gli Etruschi alle civiltà arcaiche orientali. Per questo motivo ho deciso di sposare l'ipotesi più antica di Erodoto sulla matrice orientale etrusca, e la lettura del Sarcofago è stata subito molto chiara: tre Mudra sono riprodotti esattamente nelle mani delle due figure e corrispondono a tre divinità induiste."

In questa mostra, dunque, sarà possibile apprezzare come la gestualità parli del rispetto e della considerazione di cui godeva la donna nella società etrusca, dell'amore reciproco fra i due Sposi, uniti nella vita e nella morte come le divinità induiste Brahmā e Sarasvati sono uniti nell'eternità.

Simbolismo, apparenza, ermetismo, Velo di Māyā hanno da sempre permeato la produzione artistica di Paola Marzano che osserva, ragiona e contempla i fenomeni della realtà cercando di coglierne le verità celate. Per questo nell'installazione site specific, come quinte teatrali dal forte effetto scenografico, scenario di finzioni e messaggi da riconoscere e svelare, si aprono alla vista cinque tendaggi di grandi dimensioni, frutto di rielaborazioni digitali, in cui coesistono fotografia, disegno e grafica al computer. In proiezione un video che ripercorre lo studio scoprendo la simbologia presente nei lavori.

E ancora la Marzano puntualizza: "È una ricerca che non trova precedenti in campo artistico, riporta l'attenzione sulla matrice orientale etrusca e sulle contaminazioni culturali. Penso che questo mio contributo, anche sulla scia di quanto sostiene la maggior parte degli storici nel mondo, potrebbe fornire ulteriori elementi in tal senso".

Dunque i visitatori della mostra avranno l'opportunità di farsi una propria idea sull'argomento, riflettendo sugli spunti che Paola Marzano ha scelto di condividere utilizzando il linguaggio artistico come mezzo universale di comunicazione. E potrebbe rivelarsi una sorta di caccia al tesoro nel tentativo di individuare ulteriori elementi, anche minimi dettagli, che possano ancor di più avvalorare questa suggestiva tesi.

La mostra sarà aperta da un dibattito al quale parteciperanno importanti esponenti della cultura e delle istituzioni quali Francesco Errico (Sindaco di Gallipoli), Luigi La Rocca (Soprintendente Archeologia della Puglia), Carmelo Cipriani (Critico e Storico dell'Arte), Teresa Chianella (Presidente Pari Opportunità Comune di Gallipoli), Memè Micale (Presidente Fidapa Sez. di Gallipoli) moderato dalla giornalista e conduttrice televisiva Maria De Giovanni.

 

Paola Marzano è nata a Gallipoli (Lecce) nel 1975. Artista di Arti Visive, docente di Disegno e Storia dell'Arte. Nel 1998 si laurea in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Lecce. Nel 2000 si trasferisce a Roma, soggiornando alternativamente a Cortina d'Ampezzo dal 2005 al 2009. Nel 2010 cura scenografie televisive per Magnolia Fiction, si occupa di scenografie teatrali, installazioni e performance finalizzando la sua attuale ricerca artistica al dialogo tra più linguaggi. È Preside della sezione "Eventi Artistici" della "Norman Academy" USA; Presidente dell'U.C.A.I. (Unione Cattolica Artisti Italiani) di Roma - Galleria La Pigna; già curatrice della rubrica Arte di Anci Rivista (Associazione Nazionale Comuni Italiani). Le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private.

 

IL LINGUAGGIO SEGRETO DI UN GESTO | Opere e Studi di Paola Marzano

Ex Mercato Coperto, Piazza Imbriani - Centro Storico, Gallipoli (Lecce) | 1-30 agosto 2015

Opening: sabato 1 agosto ore 19 | Orari: tutti i giorni 10 - 12 19 - 23 Ingresso gratuito

Galleria Fotografica

rank:

Lifestyle

Villa Carlotta riapre al pubblico

La data fissata per questo avvio di stagione è il prossimo venerdì 22 maggio e da quel giorno saranno visitabili sia il parco botanico che gran parte della casa museo. Già durante la pausa invernale erano stati programmati alcuni interventi importanti che - ora più che mai - si rivelano molto utili nella...

Il Monastero Santa Rosa di Conca dei Marini s'illumina del Tricolore

Notizie Costiera Amalfitana Il Monastero Santa Rosa Hotel & Spadi Conca dei Marini, tra i simboli dell'eccellenza dell'ospitalità italiana, s'illumina del Tricolore. Il suggestivo e significativo gioco di luci che avvolge lo storico edificio che si erge sul mare della Costiera Amalfitana, rischiara la...

IL MONDO DELLA DANZA SI UNISCE PER SOSTENERE LO SPALLANZANI

Il mondo della danza si è mobilitato per sostenere l'Istituto Nazionale Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" di Roma, ospedale e centro di ricerca in prima linea, da ormai oltre un mese, nell'emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus. Il desiderio di dare per quanto possibile un...

Il Giro del mondo 2020: vacanze in autunno

Primavera iniziata, estate alle porte, gli italiani programmano le ferie in autunno. Non accade quasi mai ma questo anno sembra quasi certo: saranno tantissimi coloro che partiranno in autunno tra settembre e novembre alla scoperta di nuove mete e nuovi luoghi. Sul Blog L'Insider si legge un curioso...

Il caffè e il cappuccino più buoni d’Italia? E’ Stefano Cevenini di Bologna il campione italiano dei baristi

Si chiama Stefano Cevenini è di Bologna e ha 19 anni il barista che ha vinto Espresso Italiano Champion 2019, il campionato internazionale baristi promosso dall'Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), giunto quest'anno alla sua sesta edizione. Cevenini ha battuto altri tredici baristi giunti da...