Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 giorni fa S. Teodoro martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 20 settembre

Ieri: 19 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleLa Toscana nel calendario 2014 di Caffè River

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

La Toscana nel calendario 2014 di Caffè River

Scritto da Elisabetta Ferri (admin), martedì 12 novembre 2013 14:30:00

Ultimo aggiornamento martedì 12 novembre 2013 14:30:00

Nel nuovo calendario di Caffè River, firmato Giovanni Santi, protagonista è la Toscana.

Un 2014 accompagnato dai paesaggi toscani più evocativi e dagli sguardi più significativi sulla vita contemporanea, dalla campagna alle città.

Così scrivono Pietro Clemente e Paolo De Simonis: "Ci vuole molto pensiero a fare un paesaggio. E anche tanti sguardi diversi. Quello di Ambrogio Lorenzetti, dipingendo il Buon Governo, pensò di vedere nella campagna attorno a Siena un mondo di regole e ordine che donava benessere alla città tramite l'agricoltura. Lorenzetti proiettava valori ed emozioni su colline, filari e poderi: come per secoli avrebbero continuato a fare viaggiatori, pittori, letterati e, più modernamente, fotografi, celebrando e variamente rappresentando quello che Fernand Braudel ha definito il "paesaggio più commovente del mondo" ‘Commovente' perché profondamente progettato, trasformato e curato. Nel 1828 Cosimo Ridolfi, marchese e agronomo: "Sorgerà un piano là dove ora vedi quella voragine; e là dove ora è balza inaccessibile, scematane l'erta, nascerà una placida costa".

Tutti sguardi colti e lungimiranti, provenienti da fuori e dall'alto: chini invece su terra non propria gli sguardi dei contadini che il paesaggio lo costruivano ogni giorno con le loro mani ma non lo chiamavano così e soprattutto non lo rappresentavano su carte o tele che ancora ci orientano: quando infatti vediamo oggi uno scorcio di Toscana, e lo apprezziamo, è perché lo pensiamo come una forma e un ordine del mondo e della vita che abbiamo già incontrato grazie ai Macchiaioli e a Rosai, a Carducci, Pascoli, Tozzi, Papini, Luzi. Anche grazie a Emilio Sereni, grande storico dell'agricoltura che considerava peculiare della cultura toscana il convergere di tecniche e rapporti di lavoro con un gusto per la bellezza "nato di un sol getto" in Benozzo Gozzoli come in ogni contadino.

Giovanni Santi segue le tracce di questa lunga vicenda che ci ha aiutato a pensare il paesaggio e ce lo porge allo sguardo perché lo vediamo, nel senso che guardiamo ma anche comprendiamo. Ci invita a proseguire oltre il quadro, o l'inquadratura, per ritrovare più ampie cornici di senso. Alternando campi lunghi e primi piani di persone, coltivazioni e credenze, le foto ci vincolano a non dimenticare la centralità delle azioni minute di uomini autori e custodi di una terra che pareva giardino ai viaggiatori del Grand Tour e che oggi conosce nuove interpretazioni. La montagna, le castagne, i grandi alberi, il lavoro degli orti che perpetuano antichi saperi contadini, la vendemmia, gli ulivi, una vita contemporanea attiva e capace di produrre reddito in una regione dove la campagna si conferma protagonista. Il vicino e il lontano, l'ordine e il disordine, la presenza umana o il silenzio della natura, la presenza delle tracce della città. La Toscana, anche nell'immaginario globale della sua eccellenza di luoghi e di spazi, nella location della pubblicità, resta una regione contadina. Perfino il mare è guardato dagli alberi".

Galleria Fotografica

rank:

Lifestyle

Streetfood 4 wheels: a Segrate il cibo di strada Con la Tendina

E' una delle feste più importanti dell'area, "Noi Segrate", il grande evento che si svolgerà nella città lombarda dal 7 al 9 settembre coinvolgendo diversi settori, dallo sport alla salute, con approfondimenti di vario genere. Per la parte food l'Amministrazione comunale di Segrate (Mi), organizzatore...

Forbes: Montepulciano al primo posto delle mete internazionali del vino

"Oltre ad essere la città di origine di uno dei vini più leggendari d'Italia, Montepulciano ha la particolarità di sembrare un set cinematografico oltre a essere una perfetta città toscana". Comincia così l'articolo pubblicato da Forbes, la rivista di finanza con sede a New York più famosa al mondo,...

Esiste un nuovo “Post” a Coroglio...

Esiste una regola per cui quando un POST ha colpito l'attenzione di chi lo legge bisogna vistarlo con un "mi piace", commentarlo e condividerlo. Condividere vuol dire investire tempo e risorse in qualcosa che piace, da porre poi sotto l'ala protettiva dei social. Quid pro quo. Dare per avere. Il resto...

Totò le Mokò, il panino dedicato al principe della risata e al progetto 50 Anni senza Totò

Totò è nel cuore dei napoletani, lo dimostrano le centinaia di iniziative che in queste settimane sono state organizzate a Napoli in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Quest'anno ricade il cinquantesimo anniversario dalla morte del grande Totò e Napoli, la sua città, ha deciso di celebrarlo...

Luca Buccheri Chef del Dum Dum Republic di Paestum (SA)

Intenso e appassionato: è Luca Buccheri, "chef d'amore e d'anarchia", da quest'anno alla guida del ristorante del Dum Dum Republic di Paestum (SA). Un talento naturale dall'animo irrequieto. La sua è una visione originale che tende a spingere i sapori verso un nuovo orizzonte sensoriale, attraverso la...