Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa S. Teresa d'Avila

english italiano

Date rapide

Oggi: 15 ottobre

Ieri: 14 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleProgramma Definitivo del Ravello Festival 2009

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

Programma Definitivo del Ravello Festival 2009

Scritto da (admin), giovedì 25 giugno 2009 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 25 giugno 2009 00:00:00

Coraggio. Concetto speculare alla paura. La paura del nemico, la paura del diverso, la paura del difficile, la paura del complesso, la paura dell'ignoto rinviano al coraggio necessario per sconfiggere il nemico, per accogliere il diverso, per addomesticare il difficile, per dipanare il complesso, per decifrare l'ignoto.
Non meno della paura, il coraggio è uno stato d'animo strettamente legato al tempo e al luogo in cui sopraggiunge. Il coraggio necessario per superare le Colonne d'Ercole è stato certamente diverso dal coraggio necessario per cercare il Graal, per affrontare l'Inquisizione, per curare i lebbrosi, per scalare le montagne, per attingere la luna. "Le streghe - ha constatato Voltaire - hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di ucciderle".
Molte umane imprese, che richiedevano coraggio, grazie al soccorso tecnologico sono planate dal rango dell'eroismo a quello dell'ordinaria amministrazione: il sacrificio della piccola vedetta lombarda è vanificato dal radar e quello di Icaro dai supersonici; un semplice cellulare placherebbe tutta l'ansia di Penelope e allerterebbe tutta la retroguardia armata di Waterloo. Il coraggio festivo e spavaldo ostentato dal trapezista è ben diverso dal coraggio feriale e paziente necessario alla vedova; il coraggio prolungato della spia è ben diverso dal coraggio fulmineo dello scippatore. Per schivare la furbizia occorre un coraggio sottile; per contrastare l'arroganza occorre un coraggio inflessibile; per educare l'ignoranza occorre un coraggio missionario; per seguire il leader occorre un coraggio devoto; per neutralizzare la trivialità occorre un coraggio raffinato; per debellare la burocrazia occorre un coraggio ironico; per gestire la democrazia occorre un coraggio organizzato; per ignorare l'offesa occorre un coraggio magnanimo; per immolarsi a una causa occorre un coraggio nevrotico.
Le opere e i giorni dell'uomo sono impastati di coraggio: quello necessario a Giordano Bruno per affrontare il rogo; quello necessario al gladiatore per atterrare il contendente; quello necessario al santo per testimoniare la fede; quello necessario allo scienziato per confutare i paradigmi consolidati; quello necessario all'astronauta per contrastare la legge di gravità; quello necessario al dirigente per prendere una decisione; quello necessario al giocatore d'azzardo per esibire una mossa impertinente. Occorre coraggio anche per affrontare il coraggio.
I terreni privilegiati dal coraggio sono la difesa, l'attacco e l'innovazione. Si pensi al coraggio di Enea, che difende i suoi lari; al coraggio di Renzo e Lucia, che difendono le loro piccole virtù; al coraggio di Emma Bovary, che difende il suo diritto al sogno; al coraggio di Madama Butterfly, che difende il suo ricorso all'illusione; al coraggio di Sacco e Vanzetti, che difendono il loro diritto alla verità; al coraggio di Gandhi e Mandela, che difendono il diritto dei loro popoli all'identità.
Per il coraggio nell'attacco, si pensi aquello gagliardo di Achille contro i difensori di Troia; a quello utopico di Alessandro Magno e di Giuliano l'Apostata contro i misteriosi confini orientali; a quello baldanzoso di Parsifal contro la mostruosità di Klingsor; a quello finto-folle di Amleto contro la perfidia materna; a quello candido di Fabrizio del Dongo contro i nemici del mito napoleonico; a quello ingenuo di Salvo d'Acquisto contro la brutalità dei giustizieri; a quello sfrontato di Roberto Saviano contro la bestialità della camorra; a quello allucinato dei kamikaze contro l'oltraggio dei blasfemi.
Per il coraggio nell'innovazione si pensi a quello di Colombo che salpa verso nuovi mondi; a quello di Copernico e di Galileo, che sovvertono l'universo biblico; a quello di Schoenberg, che propone la dodecafonia; a quello di Freud, che affonda la psicologia tradizionale nei misteri dell'inconscio; a quello di Einstein, che disorienta la fisica classica con la curva del tempo; a quello di Picasso, che sovverte la prospettiva con il cubismo; a quello di Kandinskij, che affranca la pittura dalla figura; a quello dei fratelli Wright, che spiccano il primo volo; a quello di Pasteur, che trasforma il figlio in cavia; a quello di Taylor, che impone al lavoro le regole scientifiche dell'efficienza; a quello di Keynes, che libera dal lavoro il destino dei suoi nipoti; a quello di Adriano Olivetti, che costruisce la città dell'uomo secondo i canoni della bellezza.
Vi è un coraggio che impone rispetto: la nobiltà dell'eroe, il talento dell'artista, la grandezza del genio, la sicurezza del chirurgo, il valore del professionista, l'intraprendenza dell'imprenditore, la magnanimità di chi perdona. Vi è un coraggio che desta sorpresa: la sfrontatezza del dongiovanni, la spavalderia dello spadaccino, la temerarietà del funambolo, la sicurezza del danzatore, il sangue freddo dello scassinatore, l'abnegazione del soccorritore, il colpo d'occhio dell'intenditore, la stravaganza del dandy, la trattativa spericolata del commerciante, il bluff calcolato del giocatore di poker. Vi è un coraggio che piglia in contropiede: l'impudenza del ladro, la sfrontatezza dello scugnizzo, la spudoratezza della cortigiana, l'audacia dell'innamorato, l'irriverenza del blasfemo.
Vi è un coraggio che esige prudenza: la risolutezza dell'irresponsabile, l'ingegnosità dell'autodidatta, l'indiscrezione del saccente, l'improntitudine del temerario, l'irriverenza dello smodato, la saccenteria dell'erudito, la superbia del primo della classe.
Vi è un coraggio che merita disprezzo: l'arroganza del padrino, la presunzione dell'incompetente, la protervia del più forte, l'avventatezza dell'ignorante, l'ingiuria del perfido, la faccia tosta dell'adulatore, la villania del maleducato, l'insolenza del guappo, la supponenza dell'arrivato, la spocchia dell'erudito.


Per maggiori informazioni sul programma definitivo del Ravello Festival 2009, vedi il file in allegato

www.ravellofestival.com

Galleria Fotografica

File Allegati

Programma Definitivo del Ravello Festival 2009
Calendario_ravello_2009.pdf

rank:

Lifestyle

"Ai Do Mati" lancia l'hashtag #AiDoMatiDelicious

Il Ristorante Pizzeria "Ai Do Mati" nasce nel cuore del Lido di Venezia il 25 aprile del 2001 e in un giorno molto importante per ogni veneziano: la festa di San Marco evangelista, solennità patronale di Venezia. Il suo logo è un'opera d'arte realizzata da Lele Vianello che vive e lavora in laguna, nel...

Streetfood 4 wheels: a Segrate il cibo di strada Con la Tendina

E' una delle feste più importanti dell'area, "Noi Segrate", il grande evento che si svolgerà nella città lombarda dal 7 al 9 settembre coinvolgendo diversi settori, dallo sport alla salute, con approfondimenti di vario genere. Per la parte food l'Amministrazione comunale di Segrate (Mi), organizzatore...

Forbes: Montepulciano al primo posto delle mete internazionali del vino

"Oltre ad essere la città di origine di uno dei vini più leggendari d'Italia, Montepulciano ha la particolarità di sembrare un set cinematografico oltre a essere una perfetta città toscana". Comincia così l'articolo pubblicato da Forbes, la rivista di finanza con sede a New York più famosa al mondo,...

Esiste un nuovo “Post” a Coroglio...

Esiste una regola per cui quando un POST ha colpito l'attenzione di chi lo legge bisogna vistarlo con un "mi piace", commentarlo e condividerlo. Condividere vuol dire investire tempo e risorse in qualcosa che piace, da porre poi sotto l'ala protettiva dei social. Quid pro quo. Dare per avere. Il resto...

Totò le Mokò, il panino dedicato al principe della risata e al progetto 50 Anni senza Totò

Totò è nel cuore dei napoletani, lo dimostrano le centinaia di iniziative che in queste settimane sono state organizzate a Napoli in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Quest'anno ricade il cinquantesimo anniversario dalla morte del grande Totò e Napoli, la sua città, ha deciso di celebrarlo...