Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa S. Tecla vergine martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle, News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: LifestyleSalerno - Aladar Lendvay

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Lifestyle

Salerno - Aladar Lendvay

Mostra Aladar Lendvay alla Pinacoteca provinciale

Scritto da (admin), lunedì 28 gennaio 2008 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 28 gennaio 2008 00:00:00

Aladar Lendvay. I ricordi di un esule.
Pinacoteca provinciale. Palazzo Pinto, via Mercanti, 62
Inaugurazione sabato 1 dicembre ore 17,30

Orari di apertura al pubblico: dalle ore 9,30 alle 19,30
Ingresso gratuito

Il Centro Studi Europa Nuova, a quindici anni dalla scomparsa, ha deciso di rendere omaggio alla memoria di un artista ingiustamente poco noto, anche, forse, per l'estrema parsimonia con cui in vita ha fatto conoscere la sua opera, proponendo una rassegna di alcuni suoi dipinti e celebrandola con un catalogo dalla veste grafica consona a rappresentarla. Un artista non di origine italiana, ma che, vista la sua lunghissima permanenza a Salerno, può definirsi un nostro concittadino.
Aladar Lendvay nasce a Zagabria, in Croazia, nel 1910 da padre ungherese e madre polacca. Frequenta con ottimo profitto il Liceo Artistico e l'Istituto Scenografico della sua città; si occupa della costruzione e dell'arredo dei padiglioni di alcune edizioni della grande Fiera di Zagabria, negli anni immediatamente antecedenti il secondo conflitto mondiale. Nell'immediato dopoguerra, a seguito della tragica situazione in cui versa la sua terra di origine, sconvolta da orribili carneficine e vendette, si rifugia in Italia e vive per lungo tempo presso vari campi profughi: Udine, Trani, Senigallia, Pagani. Sposa nel 1950 a Pagani l'infermiera bosniaca, Sonia Custovic, dalla quale ha un figlio, che, purtroppo, muore nel 1954. Questo triste evento induce lui, già introverso e malinconico per natura, a chiudersi ancor di più in se stesso. Si trasferisce in seguito prima a Vietri sul Mare, poi, definitivamente, a Salerno, dove si dedica alla pittura. Carattere schivo non ama sottoporre all'altrui giudizio le sue opere e, nonostante alcuni amici, che apprezzano la sua pittura, cerchino di indurlo a comunicare il suo pensiero artistico, espone solo in poche occasioni.
Muore nella "sua" Salerno nel 1992.
Aladar Lendvay ha dipinto ritratti, marine, paesaggi e, nell'esame degli stessi, il commento viene spontaneo.
Disegno: rispettoso delle regole con buona prospettiva ed armonia compositiva. Traspare un ordine che è nella personalità dell'Autore, non come buon magazziniere delle cose, ma come fermo credente nelle proprie idee; il tratto e la pennellata confermano il suo pensiero e lo concretizzano tramite questo "elemento Arte".
Colore: i colori sono tenui e ci si aspetta una evanescenza nelle cose rappresentate, che lascia più spazio all'allenato immaginario dell'occhio; in realtà c'è una netta messa a fuoco delle sensazioni, cosa rara in Arte, ma ben "visibile" nelle opere del nostro autore.
Soggetti: le opere rappresentano in modo figurativo il mondo, la natura, che ci circonda, cose, persone, mare. Cosa può rendere astratta un'opera figurativa? E' la pittura di Aladar Lendvay.
Nel suo accademico ordine, i lavori di Lendvay danno la possibilità alla mente di viaggiare; mettono in moto l'immaginario, che fantastica sui perché insiti nelle sue opere. Ecco come l'Autore diventa proprietà di chi guarda un'opera d'arte.

Galleria Fotografica

rank:

Lifestyle

Streetfood 4 wheels: a Segrate il cibo di strada Con la Tendina

E' una delle feste più importanti dell'area, "Noi Segrate", il grande evento che si svolgerà nella città lombarda dal 7 al 9 settembre coinvolgendo diversi settori, dallo sport alla salute, con approfondimenti di vario genere. Per la parte food l'Amministrazione comunale di Segrate (Mi), organizzatore...

Forbes: Montepulciano al primo posto delle mete internazionali del vino

"Oltre ad essere la città di origine di uno dei vini più leggendari d'Italia, Montepulciano ha la particolarità di sembrare un set cinematografico oltre a essere una perfetta città toscana". Comincia così l'articolo pubblicato da Forbes, la rivista di finanza con sede a New York più famosa al mondo,...

Esiste un nuovo “Post” a Coroglio...

Esiste una regola per cui quando un POST ha colpito l'attenzione di chi lo legge bisogna vistarlo con un "mi piace", commentarlo e condividerlo. Condividere vuol dire investire tempo e risorse in qualcosa che piace, da porre poi sotto l'ala protettiva dei social. Quid pro quo. Dare per avere. Il resto...

Totò le Mokò, il panino dedicato al principe della risata e al progetto 50 Anni senza Totò

Totò è nel cuore dei napoletani, lo dimostrano le centinaia di iniziative che in queste settimane sono state organizzate a Napoli in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Quest'anno ricade il cinquantesimo anniversario dalla morte del grande Totò e Napoli, la sua città, ha deciso di celebrarlo...

Luca Buccheri Chef del Dum Dum Republic di Paestum (SA)

Intenso e appassionato: è Luca Buccheri, "chef d'amore e d'anarchia", da quest'anno alla guida del ristorante del Dum Dum Republic di Paestum (SA). Un talento naturale dall'animo irrequieto. La sua è una visione originale che tende a spingere i sapori verso un nuovo orizzonte sensoriale, attraverso la...