Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 65 giorni fa S. Mario martire

english italiano

Date rapide

Oggi: 19 gennaio

Ieri: 18 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Italia Lifestyle

Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano

Italia Lifestyle - Il portale di News, Eventi e Lifestyle Italiano
News, Eventi e Lifestyle Italiano

Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: Territorio e CulturaSanto Stefano di Cadore

Positano Notizie, non solo news, il portale all news di Positano e della Costiera AmalfitanaAmalfi News non solo notizie è il magazine on line della Costa d'Amalfi Occhi Su Salerno, perchè due occhi non bastano, è il portale all news di Salerno e della sua ProvinciaItalia Turismo e Territorio in un solo portale: Locali d'Autore Italia Lifestyle

Territorio e Cultura

Comune in provincia di Belluno, Veneto

Santo Stefano di Cadore

Valle di Padola, Valle del Piave, Italia lifestyle

Scritto da Mariarosaria Pisacane (admin), mercoledì 13 luglio 2011 22:15:24

Ultimo aggiornamento venerdì 22 luglio 2011 21:37:13

Comune in provincia di Belluno, situato nel punto in cui la Val Padola si apre nella Valle del Piave, ai confini con l'Austria, l'abitato si sviluppa nel verde protetto dalle vette dolomitiche che gli fanno da sfondo, tra cui il Monte Popera, l'Aiarnola, il Tudaio. È un'attrezzata stazione turistica frequentata durante l'intero arco dell'anno: in inverno è possibile dedicarsi allo sci nelle diverse specialità, mentre in primavera ed in estate si può scegliere tra i tanti itinerari ed i sentieri che conducono alla scoperta della Val Popera, della Valgrande e dei bellissimi boschi che ombreggiano la zona. Nel centro è diffuso il dialetto ladino, una lingua derivata dal latino, diffuso nelle regioni delle Alpi centro-orientali. Oltre che sul turismo, l'economia cittadina è legata al commercio del legname.
La zona del Cadore fu abitata sin dalla Preistoria, come testimoniano importanti reperti; sucessivamente vi giunsero i Liguri, gli Illirici, i Veneti, i Galli ed i Celti. I Romani colonizzarono l'area e probabilmente vi fecero passare una strada che univa la Val Pusteria ad Auronzo. Successero a Roma gli Eruli, gli Ostrogoti, i Franchi, i Bizantini, i Longobardi. Dalle tracce pervenute si evince che nel Comelico esistevano insediamenti sin dall'epoca precedente l'anno Mille. Il primo abitato nell'area di Santo Stefano si venne a costituire sulla sinistra orografica del Piave, lì dove oggi sorge la borgata di Transacqua: il luogo fu scelto non a caso per la presenza dei boschi e dei corsi d'acqua che rendevano possibili il trasporto di ogni sorta di merci favorendo i commerci. Dal XV secolo il paese divenne parte del territorio della Repubblica di Venezia condividendo con il bellunese, prima, e con l'Italia, poi, le vicende storiche successive.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale di Santo Stefano, di antiche origini, risale al Trecento, è stata oggetto di rimaneggiamenti sul finire del XVII secolo. E'preceduta da un peristilio con colonne, facciata neoclassica effetto di un rifacimento del 1817. Conserva al suo interno due pregevoli altari lignei in stile barocco, di cui uno della scuola del Brustolon, ed alcune pitture del Monforte.
La chiesa di Costalissoio, dedicata alla SS.Trinità e fondata nel Quattrocento, fu ricostruita una prima volta nel secolo successivo, poi nuovamente nel XIX secolo. Il campanile fu edificato nell'Ottocento su progetto del Pante.
La chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Campolongo, di antiche origini, fu riedificata nel XVIII secolo.
La chiesa dei Santi Lorenzo ed Osvaldo a Casada del 1855.
La chiesa della Beata Vergine delle Grazie a Transacqua.

Visita il portale Turismo Italia www.localidautore.it

Galleria Fotografica

rank:

Territorio e Cultura

AGRIETOUR: IL SALONE DELL’AGRITURISMO RAGGIUNGE LA MAGGIORE ETÀ

L'agriturismo in Italia ha registrato una crescita ininterrotta negli ultimi venti anni, raggiungendo i 12,7 milioni di presenze. Il fatturato del settore ha raggiunto la quota di 1,36 miliardi di euro Diventa maggiorenne AgrieTour, il Salone Nazionale dell'Agriturismo e dell'Agricoltura multifunzionale...

GLI UFFIZI PER LA PRIMA VOLTA IN MOSTRA A MATERA

Il "pane degli Uffizi" in mostra tra i Sassi di Matera. La mostra Il Pane e i Sassi- L'antico tema del pane in una selezione di opere delle Gallerie degli Uffizi vede, per la prima volta, gli Uffizi in trasferta nella città Capitale Europea della Cultura 2019. L'esposizione, a cura di Maria Anna Di Pede...

IL PREMIO OSCAR OLIVER STONE IN VISITA ALLA GALLERIA DEGLI UFFIZI

Il premio Oscar Oliver Stone, regista di film di culto come Platoon, Nato il 4 luglio, The Doors e Natural Born Killers, in visita agli Uffizi. In jeans e maglietta, il 73enne cineasta americano si è presentato con i familiari in galleria nel primo pomeriggio: il direttore Eike Schmidt lo ha guidato...

FRANCESCO MOROSINI: ULTIMO EROE DELLA SERENISSIMA TRA STORIA E MITO

Protagonista indiscusso dell'azione della Serenissima e dei suoi alleati nel Mediterraneo orientale contro l'Impero Ottomano negli ultimi anni di gloria della Serenissima, e prima ancora della resistenza di Candia assediata nell'isola di Creta, Francesco Morosini, doge e capitano generale da mar, fu...

I laboratori del pane a Matera

Il "forno di vicinato", o forno del Rione San Biagio o ancora U firn d Salètt com'era conosciuto, è un piccolo gioiello del patrimonio della Fondazione Sassi. L'antico forno si trova nel cuore del Sasso Barisano, nei pressi della sala mostre e degli ipogei della Fondazione Sassi ed è stato in uso fino...